A casa di Jo [GALLERY][VIDEO]

2 Marzo 2020
A casa di Jo [GALLERY][VIDEO]

A distanza di un mese dall’inaugurazione, siamo andati nell’appartamento di Olgiate Olona destinato alle neo maggiorenni con un passato difficile: una novità assoluta a livello regionale

di Chiara Milani

Vivere qui è bello perché l’ho voluto io. E’ un passaggio che devo fare ora per andare avanti”. Chi ci accoglie è una ragazza di 21 anni ancora da compiere, con una brutta storia familiare alle spalle e un bel futuro che è intenzionata a costruirsi.

La chiameremo Jo, come il nome dell’appartamento di Olgiate Olona in cui vive da un mesetto e che è ispirato al personaggio del romanzo Piccole donne che è stato un esempio di realizzazione personale per generazioni di ragazze. Un simbolo non a caso, quello scelto dalla cooperativa sociale La banda, che ha co-progettato e realizzato con il Comune il primo luogo abitativo di tutta la Lombardia (e forse d’Italia) destinato ai care leavers. Cioè a quelle giovani che, dopo un’esperienza di affido, avendo raggiunto la maggiore età devono iniziare a cavarsela da sole.

Il difficile cammino verso l’autonomia

Un passaggio delicato per qualsiasi ragazzo e tanto più per coloro che vengono da esperienze familiari difficili, come sottolineato a gennaio in un gremito incontro pubblico da Pietropolli Charmet, psichiatra e psicoterapeuta considerato tra i più importanti esperti di adolescenza e disagio giovanile. L’incontro era stato promosso al teatrino di Villa Gonzaga proprio in occasione dell’inaugurazione dell’appartamento per l’autonomia, a cui aveva partecipato anche l’assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità,Stefano Bolognini, sottolineando come si trattasse di un’iniziativa all’avanguardia.

Tempo di primi bilanci

A distanza di un mese, è tempo di un primissimo bilancio per la prima ragazza che vi si è trasferita. In attesa che arrivino le due coinquiline, Jo sta pian piano “imparando a organizzare le spese con i soldi che guadagna con il suo tirocinio nel reparto panetteria e pasticceria in un grande magazzino, ma anche a pulire la casa, cucinare e gestire aspetti personali come le visite mediche piuttosto che il tempo libero”, sottolinea la coordinatrice, Marta Zambon. La giovane ci spiega che si sveglia tutte le mattine all’alba per andare al lavoro con i mezzi pubblici. Ora però vuole fare la patente e sogna il posto fisso. Le piacerebbe anche fare da dog sitter e prendere lezioni di ballo: nell’attesa, si è iscritta in palestra e ogni tanto invita a cena la sorella della famiglia affidataria, da cui comunque continua ad andare a pranzo una volta a settimana. La piccola, grande routine di una ragazza che è un esempio di resilienza, assicura chi la conosce da anni.

Prossimi progetti

In attesa che un appartamento simile venga pronto anche a Gorla Minore, l’amministrazione comunale olgiatese, guidata da Giovanni Montano, ricorda come questa idea sia nata dal basso, da un reale bisogno di neo maggiorenni della Valle Olona che avevano necessità di uno spazio di transizione dove imparare a gestire la propria quotidianità. I primi risultati sono talmente incoraggiante che l’assessore ai Servizi sociali, Mauro Carnelosso, anticipa che il Comune sta già pensando a mettere a disposizione uno altro spazio educativo polivalente per altre esigenze. Anche se per ora è presto per saperne di più.

in foto: La cucina della prima casa per care leavers della Lombardia

video: “Si perché il viaggio è vero solo se c’è compagnia, cresci solo se qualcuno traccia insieme a te la via!”
Costellazione é un brano rap interamente pensato, composto e realizzato dalle adolescenti de LaBanda Cooperativa, con l’aiuto del rapper Eclisse.
È un inno alla vita, al riscatto e alla crescita. Storie di vita complesse, che con un sincero, appassionato e forte accompagnamento, possono brillare come una stella!

Articoli Correlati