Green and the city (GUARDA L’INTERVISTA!)

14 Luglio 2020
Green and the city (GUARDA L’INTERVISTA!)

Il lockdown l’ha reso evidente: bisogna ripensare alle nostre città. E, con esso, al modo in cui (le) viviamo. Abbiamo intervistato Emanuele Antonelli, sindaco di Busto Arsizio, la città più popolosa del Varesotto

di Chiara Milani

“E’ il momento di ripartire, in sicurezza, tutti insieme. Però con la mia amministrazione abbiamo voluto pensare a qualcosa di più. A cominciare da un nuovo piano di piste ciclabili che si snoderà per 25 chilometri mettendo in connessione quasi tutti i quartieri e i tratti di piste già esistenti”: così Emanuele Antonelli, il sindaco di Busto Arsizio, il centro urbano più popolosa del Varesotto, ci ha spiegato la sua vision della città post Covid-19: “ Non è e non sarà facile, costa tanto. Vogliamo fare un progetto bello perché stiamo seguendo anche le orme di altre città, come Milano. Però abbiamo visto che lì ha creato non pochi problemi per come sono state fatte. Però vogliamo farlo: vogliamo che il busto diventi la città più green e più attenta all’ambiente”. 

Il richiamo della natura

Il motivo è presto detto: “Devo dire che in questi mesi di chiusura la sensbilità dal punto di vista ambientale è cambiata tantissimo. Abbiamo visto animali che si avvicinavano nei centri abitati. Abbiamo riscoperto la meraviglia del silenzio, quasi assordante, se non fosse stato rotto purtroppo dalle sirene delle ambulanze che trasportavano i malati”.

Pioggia di fondi nel deserto della crisi

Ne è nata una necessità talmente forte da trovare i fondi persino in un periodo di crisi. Oltre agli incentivi ai cittadini per l’acquisto di biciclette e monopattini, a Busto sono in arrivo dal Governo 300mila euro in due anni per la realizzazione di piste ciclabili.

La città del futuro? Più verde, attrattiva, accogliente

Un cambiamento di mentalità non da poco per quella che è conosciuta come l’ex Manchester d’Italia. Anche perché la cosiddetta “mobilità dolce” sarà inserita in un contesto in generale più verde. “Durante il lockdown abbiamo visto che la stare all’aria aperta, nella natura, era la cosa più richiesta dai cittadini”, spiega infatti Antonelli: “ Noi speriamo che queste cose non succedono più, ma perché non prepararci? E perché non fare comunque certe cose, che fanno sempre bene alla città?”, domanda il nostro interlocutore. Ecco allora in arrivo anche tre nuovi parchi rionali. E non solo. Quella che il primo cittadino s’immagina è una città più verde, più attrattiva, più accogliente. E che cresce. 

In provincia con servizi da capoluogo e qualità di vita meglio della metropoli

Di qui l’invito ai nuovi potenziali residenti: “Per chi volesse scegliere Busto per la residenza di famiglia o anche per il lavoro, noi abbiamo la quinta città della Lombardia, ma vanta anche delle attività, direi buonissime, tipo le scuole, gli impianti sportivi, attività culturale… Quindi, una città di provincia si, ma con servizi di un capoluogo e qualità di vita nettamente superiore a quella della metropoli”, conclude Antonelli: “Ecco, dobbiamo fare tanto marketing territoriale”.

La “nuova normalità” bustocca

Busto insomma non vuole subire la crisi in maniera passiva. E per costruire la sua “nuova normalità” fa quello che sa meglio fare: si rimbocca le maniche.

In foto: Il sindaco di Busto Arsizio salta in sella per percorrere la nuova via pista che conduce a #IlBelloDiVivereABusto

Guarda l’intervista: https://varesemese.it/le-interviste-di-varesemese/le-interviste-di-varesemese-emanuele-antonelli/

Articoli Correlati