Digiuno intermittente?

2 Marzo 2020
Digiuno intermittente?

Oggi è di moda la “dieta delle 8 ore”. Abbiamo chiesto a Milena Colzani, specialista in Nutrizione clinica all’ospedale di Saronno, di parlarci del difficile equilibrio tra appetito e sazietà

di Milena Colzani

Conoscete il detto “una colazione da re, un pranzo da principe, una cena da povero? E’ uno dei consigli popolari delle nostre nonne che ben sapevano e ben facevano preparando colazione robuste e cene frugali a base di minestroni a chi andava a lavorare nei campi.

Dall’antica saggezza popolare alla cronobiologia

Oggi questa antica saggezza si chiama “cronobiologia o cronobiometria” cioè la scienza che studia i ritmi biologici della fama e della sazietà che si basano sulle variazioni ormonali durante la giornata e che vengono rappresentati da un “cronogramma o famogramma” caratterizzato ,nei soggetti normali, da tre picchi pre prandiali giornalieri: uno al mattino, uno maggiore intorno all’ora di pranzo e uno decisamente più ridotto la sera. Su questa base possiamo identificare tre tipologie di cronotipi: euressico, con i tre picchi “normali”, iperressico, con picchi più alti del normale e spostati nel tardo pomeriggio/sera (spesso con picchi accessori tra pranzo e cena e dopo cena) e iporessico con asincronia tra fame e pasti. 

Quando mangiare

In Medicina la cronobiometria viene utilizzata per guidare l’indirizzo terapeutico nei pazienti dismetabolici (diabetici ed obesi) consentendo di studiare il malato e non solo la malattia: tanto più il famogramma si avvicina al modello euretico, tanto più la terapia è adeguata. Insomma non è solo importante chiedersi come e quanto mangiare, ma anche quando mangiare.

Le regole d’oro

In conclusione, i consigli sono: consumare gli alimenti distribuendoli in 4-5 pasti quotidiani, fare una buona colazione, distaccare la cena di almeno 4 ore dal momento del sonno, evitare l’assunzione di cibo durante le ore notturne e ridurre l’ingestione di alimenti ad alto indice glicemico soprattutto al mattino, in quanto il rapido declino del livello di glucosio nel sangue – a seguito di una risposta iperinsulinemica causata da un aumento repentino e transitorio della glicemia che si verifica dopo l’ingestione di cibi ad alto indice glicemico – aumenta la fame e riduce la sazietà.

Viva la cena da povero

Se andiamo a vedere le abitudini degli italiani, scopriamo che è molto più facile eccedere con le calorie a cena, rispetto che negli altri pasti della giornata. Limitare l’alimentazione serale pone così una restrizione calorica anche senza contare le calorie.

Attenti ai falsi miti

Alla fine i vecchi detti popolari sull’alimentazione hanno un fondo di verità… basta capire però perché funzionano e non perpetrare falsi miti. 

In foto: Milena Colzani

Articoli Correlati