Frati, zero emission

12 Ottobre 2020
Frati, zero emission

Dall’Estonia Anneli Ohvril, amministratore delegato di una delle più grandi organizzazioni ambientaliste al mondo, parla del World Cleanup Day  e ricorda che l’obiettivo finale è un mondo più pulito e senza sprechi. Nonostante la pandemia, l’energia positiva sprigionata da questo evento ha provocato una mobilitazione di massa anche nel 2020. Con nuove modalità

di Chiara Milani

Tutto è iniziato iniziato nel 2008, quando gli estoni hanno pulito l’intero Paese in sole 5 ore. Ora, è diventata una delle più grandi organizzazioni ambientali. Stiamo parlando di Let’s Do It World, che ha team e leader in 150 paesi e ha dato vita al World Clean Up Day. A parlarci della speciale edizione 2020 di questa iniziativa è l’amministratore delegato, Anneli Ohvril.

Nonostante le restrizioni legate alla pandemia, alla Giornata mondiale della pulizia c’è stata un’adesione massiccia. Se l’aspettava?

Sinceramente no. L’anno scorso oltre 21 milioni di persone da 180 nazioni hanno partecipato alla Giornata mondiale della pulizia. Quest’anno abbiamo deciso di non spingere i numeri a causa del coronavirus, ma allo stesso tempo abbiamo sviluppato diversi formati per partecipare al World Cleanup Day. Oltre alle pulizie di gruppo, chiediamo alle persone di fare pulizie individuali senza riunirsi in gruppi. Ad esempio per andare a fare il plogging, raccogliendo spazzatura mentre corri. Per le nazioni che sono in lockdown e anche per i gruppi target ad alto rischio per Covid-19, abbiamo proposto di eseguire la pulizia digitale – per eliminare tutti i file non necessari dai dispositivi digitali e in questo modo per ridurre le emissioni di CO2. Le persone pensano che il mondo digitale sia separato dall’ambiente. Tutto ciò che facciamo nel mondo digitale ha un impatto sull’ambiente

Quali sono i principali risultati raggiunti? 

L’anno scorso abbiamo raccolto circa 100.000 tonnellate di rifiuti. Quest’anno stiamo ancora effettuando gli ultimi conteggi poiché abbiamo effettuato per lo più pulizie individuali: il conteggio è piuttosto impegnativo poiché le persone spesso non registrano se stesse e nemmeno la quantità di rifiuti. Ma – La Giornata mondiale della pulizia non riguarda esclusivamente la pulizia del pianeta. Si tratta di aumentare la consapevolezza e riunire tutte le parti interessate, per catalizzare la trasformazione in tutte le società verso un mondo pulito e senza sprechi. Non basta pulire tutti i rifiuti dalla natura. Dobbiamo anche creare un sistema circolare ben funzionante in cui non esistano rifiuti. I rifiuti sono considerati una risorsa. Questo è il nostro obiettivo finale.

Ecco, parliamo meglio dell’importanza di creare consapevolezza in tutta la popolazione al tempo del Covid-19… 

Sì, miriamo a coinvolgere almeno il 5% della popolazione di ogni paese partecipante e sensibilizzare sull’urgenza di affrontare il problema dei rifiuti. Sfortunatamente, il problema dei rifiuti gestiti in modo errato è peggiorato a livello globale a causa della pandemia. Assistiamo nuovamente all’ascesa della plastica monouso e all’inquinamento che ne consegue. La nostra rete raccoglie maschere mediche in tutto il mondo. Ironia della sorte, stiamo salvando noi stessi e uccidendo gli altri allo stesso tempo. Il mondo ha bisogno più che mai della Giornata mondiale della pulizia. Unire le forze per un mondo pulito è più importante che mai.

L’obiettivo specifico per il 2020 era affrontare l’inquinamento da mozziconi di sigaretta, giusto? Perché?

I mozziconi di sigaretta sono il tipo di rifiuto numero uno che raccoglievamo durante i World Cleanup Days: sono piccoli ma altamente pericolosi. I mozziconi di sigaretta non sono fatti di carta e non si biodegradano in natura come la maggior parte delle persone pensa di fare. I mozziconi di sigaretta sono fatti di plastica e contribuiscono al problema della microplastica che il mondo deve affrontare oggi. Inoltre, il mozzicone di sigaretta contiene più di 150 tossine, quindi 1 mozzicone di sigaretta può contaminare fino a 1000 litri di acqua. Ogni anno vengono consumati 6 trilioni di mozziconi di sigaretta e 4 e mezzo di essi finiscono in natura. Non un milione, un miliardo, sono 4 trilioni e mezzo. Il problema è enorme e qui invito tutti a invitare i propri amici a evitare di buttare i mozziconi in natura. Questo semplice atto può salvare vite umane.

Com’è stata la partecipazione all’iniziativa in Italia, rispetto agli altri Paesi del mondo?

L’Italia sta andando alla grande e cresce di anno in anno. I partecipanti sono stati 33.000 nel 2018, 64.000 nel 2019 e ora se ne prevedono fino a 150.000. Il conteggio è ancora in corso. Che è più del 2% della popolazione e che si avvicina al punto di svolta, che è del 5%

Anche il Principe Alberto ha preso parte alla pulizia a Monaco. E non è l’unico VIP coinvolto, giusto?

Molti capi di stato hanno partecipato. La principessa ereditaria Victoria in Svezia ha partecipato, in Belgio, il primo ministro la signora Sophie Wilmes si è unita a una pulizia. La presidente e il primo ministro dell’Estonia si sono uniti per pulire i parchi pubblici dai rifiuti di sigarette. Greta Thunberg ha partecipato alla Giornata mondiale della pulizia. L’anno scorso il 75% dei nostri leader ha riferito che il governo, i presidenti, i ministri erano coinvolto.

La sostenibilità ambientale era in cima all’agenda prima della pandemia. Successivamente, l’azione dei governi è stata ovviamente incentrata sul contagio e sulle sue conseguenze socioeconomiche, ma sembra che l’interesse delle persone per l’argomento sia aumentato, poiché durante il blocco tutti hanno sentito la mancanza della natura. È davvero così secondo lei?

Forse il Coronavirus è venuto per un motivo: per fermare la nostra follia di consumare e crescere e fornire l’opportunità di riconnettersi con la natura. La connessione che abbiamo perso come umanità. Spero che la pandemia ci abbia fatto riflettere sui veri valori della vita e spero che siamo abbastanza intelligenti da usare le crisi per creare un mondo pulito e sano dove non ci sono sprechi e dove è pieno di vita.

Quale sarà il prossimo passo?

Continuiamo a lavorare per un mondo pulito e senza sprechi. I nostri leader in 150 paesi lavorano quotidianamente per creare un mondo migliore. Il prossimo World Cleanup Day è il 18 settembre 2021. Ma non c’è bisogno di aspettare fino alla prossima azione mondiale. Ogni azione conta e tutti possono iniziare proprio ora con la persona più difficile da cambiare: se stessi.

GUARDA L’INTERVISTA

Articoli Correlati