Robot da giardino

1 Luglio 2019
Robot da giardino

Marco Introini, floral designer gallaratese che insegna alla Fondazione Minoprio, dà ai nostri lettori preziosi consigli per affrontare l’estate circondati da piante e fiori senza troppe difficoltà o brutte sorprese al ritorno dalle ferie

di Marco D. Introini

Destreggiarsi con piante e fiori è sempre un bel momento di relax, affondare le mani nel terriccio, rincalzare, svasare, potare, bagnare, sono tutte operazioni manuali che ci rasserenano e ci donano la soddisfazione di prenderci cura di un vegetale. Certo però, che quando manca il tempo o si avvicina il momento delle meritate vacanze, le operazioni giornaliere iniziano a diventare un peso.

I timer da terrazzo…

La tecnologia in questo caso, riesce ad esserci di aiuto nei modi più diversi. Il problema più comune è quello di innaffiare, visto che questa operazione deve essere il più possibili costante e regolare nel tempo, specie nella stagione calda. Sui terrazzi è facile e veloce installare un impianto di irrigazione a goccia, governato da un timer. Si posiziona sul perimetro del terrazzo un tubo in polietilene, a cui vengono collegati i gocciolatori che bagneranno le piante. Questi arnesi possono essere a portata fissa o variabile: i primi di solito si usano per piante di dimensioni più contenute, i secondi invece per alberi di maggiori dimensioni o soggetti ad una crescita maggiore, poiché con lo sviluppo aumenta il fabbisogno di acqua. I timer, sia digitali sia meccanici, offrono la possibilità di variare orari e durata dell’irrigazione: in linea di principio è meglio somministrare acqua in modica quantità più volte al giorno, piuttosto che affogare le radici con irrigazioni lunghe.

…e le teste mobili per i terreni
Per quel che riguarda il giardino, il discorso invece è un po diverso visto che non vengono di solito utilizzati i gocciolatori, ma piuttosto le teste mobili che spruzzano l’acqua sul prato o direttamente sulle piante. In questo caso l’irrigazione è meglio che non avvenga nelle ore calde ed assolate per evitare che le gocce che si depositano sulle foglie, facciano l’effetto lente, provocando delle bruciature: meglio quindi programmare questa operazione la mattina presto e/o la sera.

Tagliare e fertilizzare in un colpo solo

Sempre parlando di giardini, da qualche anno sono in commercio dei pratici robot per i tappeti erbosi. Questi dispositivi si muovono seguendo linee casuali ed effettuano un tipo di taglio che si chiama mulching, ovvero tagliano e sminuzzano l’erba in piccoli frammenti che non vengono raccolti, ma lasciati cadere sul suolo a decomporsi, creando una sorta di fertilizzazione naturale del terreno. L’installazione può essere un po’ laboriosa in funzione della forma del giardino, poiché va interrato un filo conduttore a delineare l’area da sfalciare, e naturalmente va installata la postazione di ricarica dove la macchina andrà automaticamente a ricaricarsi.

Il colore delle ortensie? Misura il ph della terra
Se questi dispositivi semplificano la vita a chi non ha tempo da dedicare alla cura delle piante e del prato, ce n’è uno poco costoso e poco conosciuto che, invece, ci aiuta a valutare l’umidità e l’acidità del terreno: potrà sembrare banale, ma spesso la prima misurazione in profondità da risultati leggermente diversi da quelli che si vedono a occhio, mentre la seconda valutazione ci aiuta quando abbiamo a che fare con piante acidofile, tipo le ortensie, che virano il loro colore verso il blu se in presenza di un ph acido.

Articoli Correlati

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter mensile?