Di padre… in figlia

2 Marzo 2020
Di padre… in figlia

Claudia Mona, al vertice assieme al fratello della storica azienda di tecnologia aerospaziale di Somma Lombardo, si racconta: dalla gestione della fabbrica al premio dell’Università Cattolica di Milano, senza dimenticare l’impegno come vice presidente di Univa e… la vita privata

di Chiara Milani

Sua madre le ha sempre chiesto d’impegnarsi al massimo. E così Claudia Mona ha fatto: dall’asilo alla maturità alla scuola tedesca di Milano, una laurea, due master e una carriera diplomatica a Bruxelles, interrotta vent’anni fa per andare ad occuparsi dell’azienda di famiglia. Salvo poi tornare a mettere a frutto la sua esperienza istituzionale, non soltanto per le importanti relazioni internazionali della Secondo Mona, storica azienda di Somma Lombardo. Ma anche per il ruolo di co-fondatrice del cluster aerospaziale lombardo e come vice presidente dell’Unione degli industriali della provincia di Varese. Arrivando a vincere, lo scorso novembre, il premio Donna al comando, consegnatole dal Cerif (Centro europeo di ricerche sulle imprese familiari) dell’Università Cattolica di Milano e riservato a chi, come lei, ha completato con successo il passaggio generazionale. Come sognava, appunto, sua mamma: “Visto che io e mio fratello, di due anni più giovane, eravamo la quarta generazione, mia madre ha educato i suoi figli affinché fossero solidi, preparati, combattivi, vincenti: non debosciati destinati a chiudere l’azienda. Che poi si trattasse del maschio o della femmina, per lei era lo stesso”, ci spiega sorridendo.

I casi come il suo di donne al vertice di una grande industria rimangono un’eccezione in Italia…

Sì, sono più frequenti casi di imprenditrici alla guida di aziende di dimensioni familiari o create da loro stesse, per esempio nei servizi. Io mi sono trovata da gestire una realtà importante, in un settore prettamente maschile, altamente tecnico, anche militare, che quindi di femminile non aveva proprio nulla. E al quale non avevo neanche inizialmente pensato. E’ una realtà in cui mi sono dovuta calare e che ho dovuto conquistare passo passo. Sono entrata dalla porta della comunicazione e ho portato un po’ più di femminilità a una grande officina meccanica.

Un’azienda storica, la Secondo Mona

E’ stata fondata dal mio bisnonno nel 1903 con un negozio di fronte al Castello di Somma Lombardo, sul Sempione, per la vendita e riparazione di cicli e motocicli e, visto che qui sono arrivati i pionieri del volo, dal 1913 accompagna lo sviluppo tecnologico degli aerei nel mercato italiano, europeo e oggi anche globale. Peraltro, dai tempi dei miei nonni, la mia famiglia abita a Milano, ma ci stiamo sempre più riavvicinando al territorio e stiamo anche ristrutturando la casa dei bisnonno, che confina con la ditta, per ospitare eventi aziendali.

Come hanno preso in azienda la sua presenza?

Certo, non è stato facile crearmi uno spazio, essendo giovane, donna e non tecnica. Ma qui c’è gente perbene. Quando entrai mi domandai come mai sulle macchine utensili c’erano tutti calendari di donne nude, scoprendo con sorpresa che arrivavano dai fornitori. Il direttore di produzione di allora li fece togliere o almeno girare, per non urtare la sensibilità della giovane figlia del padrone. Fu un gesto che apprezzai.

I tempi sono davvero cambiati?

In questi due decenni sono arrivati ad occuparmi di tutte le funzioni di staff e governo dell’azienda. Fino a diventare l’amministratore delegato, assieme a mio fratello, che segue di più la parte tecnica. Per quanto ci riguarda, sono lieta che abbiamo portato al 15% la presenza femminile in tutte le aree, con anche due dirigenti e qualche quadro. Inoltre, in generale, oggi in quasi tutte le aziende la figlia lavora nell’industria di famiglia: spesso col fratello, come nel nostro caso, ma comunque con ruoli-chiave. Certo, devi sempre procedere controvento, ma puoi spiccare il volo.

E infatti le soddisfazioni non mancano…

Quando arrivai, assieme a mio fratello, uscivamo da una pesante ristrutturazione che negli anni Novanta aveva interessato tutto il settore: dai mille dipendenti del tempo di guerra ci eravamo ridimensionati arrivando a 160 persone con 14 milione euro fatturato. Abbiamo chiuso il 2019 con 290 persone e 50 milioni di fatturato, portando l’azienda a un bilanciamento maggiore dal punto di vista commerciale: ora infatti metà nostro fatturato è per il mercato civile, così riusciamo a bilanciare i vari contraccolpi.

Spesso per le donne in carriera rimane però difficile conciliare il lavoro con la famiglia…

Conciliare arriva dopo: è proprio difficile costruire una famiglia, creando le condizioni favorevoli. Gli uomini vivono i nostri successi lavorativi in modo competitivo, noi non troviamo soddisfazione… Sì, è ancora difficile per una donna al comando, ma personalmente non ci ho rinunciato.

Lei ha anche tanti altri impegni: prima il cluster aerospaziale lombardo, ora la vice presidenza di Univa…

Sì, noi qui dicevamo che eravamo un cluster di fatto, ma poi lo abbiamo costituito e noi siamo stati soci fondatori. Per 10 anni sono stata nel consiglio occupandomi di marketing e internazionalizzazione: ho lasciato quando è arrivato l’incarico in Univa, che ho accettato anche perché mi piace la squadra.

Che cosa vorrebbe portare nell’Unione degli industriali?

C’è Malpensa da riprendere come potenziale importante per il territorio e poi ci sono temi di welfare trasversali e siamo molto impegnati sulla formazione. Confindustria poi deve rinnovarsi, per avere più appeal, con una comunicazione più prossima, che la faccia apparire meno come un’istituzione paludata. Del resto, in Italia è fondamentale riportare l’impresa al centro, perché genera valore: i nostri operai sono super specializzati e oggi la fabbrica è un bel posto dove lavorare.

Lei lo sa che Univa non ha mai avuto un presidente donna, vero?

(risata, ndr) Sì, lo so. Vedremo. Ora vorrei un attimo concentrarmi anche sulla mia vita personale.

In foto: Claudia Mona Ph: Claudio Agentiero by Afi

Articoli Correlati