Si vive una volta sola

2 Maggio 2022
Si vive una volta sola

In economia così come nel tempo libero, anche nel nostro territorio – e non soltanto tra i giovani – si afferma la filosofia You Only Live Once. A maggio, analizziamo questo trend in forte crescita 

Di Chiara Milani

Leggerezza non significa essere superficiali”. Prendiamo a prestito il commento della nostra donna di copertina, Viviana Porro  – una che dell’argomento se ne intende, lavorando come attrice comica in tv e avendo fondato un gruppo di colleghe che si esibisce allo Zelig – per spiegare la filosofia del numero di maggio 2022 della nostra rivista.

Tra guerra e pandemia

Dal nostro osservatorio su Varesotto e Alto Milanese, infatti, come sapete ogni mese cerchiamo di analizzare attraverso tutte le nostre rubriche un tema d’attualità. E per questo numero i nostri radar hanno captato un gran bisogno di liberarsi dai macigni che da un paio d’anni scandiscono i nostri tg. Che sia in economia – con il boom dei lavoratori che si licenzia per mettersi in proprio, seguendo la filosofia Yolo, You only live once, ossia “si vive una volta sola” – o nel tempo libero – con la riscoperta del lavoro a maglia, i laboratori per famiglie e il turismo all’insegna dell’enogastronomia, del glamping, dei pet lovers e dello sport all’aria aperta per tutti – tra guerra e pandemia, cerchiamo ovunque occasioni per sentirci più leggeri. Persino quando, in questa primavera, sistemiamo i fiori nei vasi di casa, come ci spiega il nostro floral designer di fiducia, Marco Introini.

Il ricordo dei Maestri

Doveroso allora fermarci a riflettere su questa tendenza, anche ricordando due grandi del territorio che di sorrisi hanno insegnato a regalarne tanti: l’attore Felice Musazzi, fondatore della compagnia teatrale dialettale de I Legnanesi che ancor oggi miete successi, e la sarta Olga Fiorini, fondatrice della galassia di scuole che porta il suo nome, che ha avuto un peso determinante, riconosciuto anche da molti stilisti, in quella moda Made in Italy che tanta leggerezza sa donare alla vita non soltanto di chi fa shopping.

Leggerezza è anche resilienza

Del resto, come spiegato anche nella nostra rubrica dedicata alla Salute, due recenti studi dimostrano che le persone con maggior resilienza psicologica vivono meglio e più a lungo. Quindi, mentre siamo quotidianamente indaffarati a fronteggiare l’impensabile, ogni tanto concediamoci  un sorriso. Anche più d’uno. Senza sensi di colpa. Bensì, con un pizzico di sana leggerezza.

Articoli Correlati