Grandi storie d’amore

4 Febbraio 2019
Grandi storie d’amore

La passione di coppia, ma anche quella per il lavoro, la scuola, l’arte, la natura, lo sport. A febbraio indaghiamo sul lato più romantico dei rapporti, ma con uno sguardo disincantato

di Chiara L. Milani

Passione ovunque. E’ quella che contraddistingue le pagine di febbraio di VareseMese. Anche se ciò non vuol dire una rivista soltanto a cuoricini. Tutt’altro. Il 14 febbraio è per noi l’occasione per indagare sull’amore a 360 gradi, con i suoi pro e i suoi contro.

San Valentino, chi era costui?

Partiamo allora dalle origini, per capire come sia nata la festa più romantica dell’anno, con le dissertazioni sempre dotte di monsignor Claudio Livetti, per arrivare alle celebrazioni ai giorni nostri, con qualche idea regalo che non guasta mai. A partire da un focus sugli omaggi floreali curato da Marco Introini: floral designer di casa che, partito da Gallarate, è arrivato a Sanremo e alla Coppa Europa. Ma anche una ricerca sui fine settimana in coppia più trendy.

Il lato più trasgressivo della passione

A proposito di trasferte, questo mese parliamo anche dei flirt da viaggio, così come di relazioni in ufficio e accompagnatori femminili. Insomma, quello che di solito le donne e gli uomini non dicono. E che spesso ha come non lieto fine separazioni e divorzi, con la classifica dei centri del Varesotto col più alto e il più basso tasso di coppie che scoppiano. Tutto ciò unito a qualche consiglio degli esperti sia per evitare la fine di un amore sia per scongiurare il rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili. Ma anche per combattere la solitudine a tavola con i cibi del buonumore.

Arte, che trasporto!

Ma i sentimenti la fanno da padrone anche nell’arte: dalla narrazione “rosa” negli shojo manga alle opere romantiche del Castello di Masnago. Senza dimenticare il trasporto per la fiber art che, legandosi alla tradizione industriale locale, porta a Busto Arsizio la mostra di Maria Lai e Franca Sonnino.

Un istinto… naturale

Amore per il territorio significa poi anche tutela. Ecco perché stringe il cuore vedere le immagini dell’incendio sul Monte Martica che ci sono state spedite da un naturalista e leggere le conseguenze su flora e fauna a causa del rogo che ha tenuto col fiato sospeso Varese e dintorni. Pagine “focose” che avremmo preferito non pubblicare. Ma tant’è.

Tanto slancio pure nel lavoro

Infine, ma non ultimo, l’ardore che da sempre infiamma questa provincia: quello per il lavoro. Dal dibattito appassionato sul venture capital alla dedizione nell’educare i lavoratori e cittadini di domani da parte di Cristina Boracchi, una delle signore della scuola locale, che ha portato il “modello Busto” della filiera formativa a livello provinciale, regionale e nazionale.

L’uomo-simbolo

In quanto ad eccellenze, il nostro uomo di copertina, Alfredo Ambrosetti, non ha bisogno di presentazioni. Ma che cosa ci fa il cavaliere del Forum di Cernobbio come personaggio-simbolo di un numero dedicato all’amore e dintorni? A spiegarlo è lui stesso nella nostra intervista del mese. Correte a leggerla: trabocca di passione…

 

 

Articoli Correlati

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter mensile?