#donnedelvaresotto

4 Novembre 2019
#donnedelvaresotto

Vi avevamo chiesto di segnalarci nomi di signore che meritassero di fare notizia: tra le vostre proposte ne abbiamo scelta una che è diventata la nostra cover story del numero di novembre, tutto declinato al femminile in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza di genere

di Chiara L. Milani

Avremmo voluto raccontarle tutte. E chissà che, mano a mano, ce la faremo. Intanto, tra le #donnedelvaresotto che ci avete segnalato tramite l’hashtag che avevamo lanciato lo scorso marzo, abbiamo selezionato la nostra storia di copertina di novembre. Dedicata a Patrizia Testa, una signora con un ruolo di leadership in un campo quanto mai maschile, qual è quello del calcio.

Sport, quando lei scende in campo

E a proposito di sport, in occasione del primo Campionato europeo di Pitch&Putt a coppie, ne abbiamo approfittato per intervistare Simona Cassarà, pure lei del territorio, che siede su una delle tre poltrone del consiglio d’amministrazione della Spa al centro della recente riforma che sta rivoluzionando il sistema sportivo. Senza dimenticare un amarcord al femminile in ambito di una delle discipline più tipiche della nostra provincia, ossia il ciclismo, e una citazione di un’altra atleta molto amata, Alessia Orro, pallavolista della Yamamay di Busto Arsizio e della Nazionale. Quest’ultima – che noi qui immortaliamo in occasione del suo incontro di un’altra campionessa di vita, una 14enne che invita ad essere forti anche se disabili – di recente è balzata agli onori delle cronache italiane anche per essersi liberata dallo stalker che la perseguitava.

Basta violenza!

Proprio alla violenza contro le donne dedichiamo il nostro Primo piano nel mese della giornata internazionale per l’eliminazione di questo fenomeno, dal quale qui purtroppo non siamo esenti. Del resto, esattamente dalla data del 25 novembre, è nata la nostra volontà di dedicare tutto questo numero all’universo femminile. Con anche una bella riflessione per superare gli stereotipi di genere e alcuni esempi di protagoniste vincenti in altri ambiti non tradizionalmente “rosa”, come la finanza. Articoli a cui si sommano le statistiche sulle nostre studentesse e le cosiddette discipline Stem, ossia scientifiche e tecnologiche.

Tra ieri e oggi

Tutto ciò senza dimenticare il ruolo che, anche a queste latitudini, le mogli, le madri e le nonne hanno ancor oggi nell’alimentazione della famiglia piuttosto che nella scelta delle vacanze. Ricordando alle indaffaratissime donne del giorno d’oggi l’importanza di trovare il tempo anche per salvaguardare la propria salute.

Il rispetto innanzitutto

Insomma, quello che emerge da queste pagine è un ritratto di donna dai molti volti. Tutti affascinanti. E tutti meritevoli di rispetto. Una parola-chiave, quest’ultima, che troppo spesso viene a mancare, pure nell’avanzato Nord Ovest, e che noi vogliamo dare il nostro contributo a rafforzare. Senza “se” e senza “ma”.

Articoli Correlati

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter mensile?