Marco Parolo: Padre, Figlio… e Spirito Sportivo

agosto 14, 2017
Marco Parolo: Padre, Figlio… e Spirito Sportivo

Daniele e Marco. A tenerli uniti una grande passione, quella per lo sport. Entriamo in casa Parolo, per conoscere da vicino il centrocampista della Lazio e la sua famiglia

 

Una passione di famiglia. Quella per lo sport, tramandata da padre a figlio in casa Parolo.

Papà Daniele, ciclista da una vita – innamorato della sua bicicletta e delle emozioni che sa regalargli, fa respirare subito al piccolo Marco il profumo del gioco – della competizione, quella buona – anche della sconfitta, che ti obbliga a fare i conti con te stesso. A imparare dai tuoi errori. A ripartire.

Ma non lo fa obbligando il figlio a seguire le sue orme. Lo lascia libero. E Marco scende ben presto dal sellino della bici, per rincorrere – nel vero senso della parola – la sua passione. Il pallone.

Inizia ad allenarsi a Gallarate, nel campo di via Montello, che oggi porta il suo nome.

Gioca, perde, vince. Per anni. Fino a diventare un professionista. Fino a concretizzare il sogno della serie A.

E’ cambiato tutto. Non è cambiato niente. Sono cambiati i colori della sua maglia (da quelli di una piccola squadra gallaratese a quelli della Lazio), è cambiata la sua quotidianità. Ma sono rimasti inalterati i suoi valori – il suo cuore – la sua grinta. Il suo legame con la famiglia, con il padre – suo primo grande fan. “Ora vede più partite lui di me” – dice Marco riferendosi al papà. “Mi piace seguirlo ovunque” – replica Daniele. “Ogni vittoria rappresenta per me una grande soddisfazione. Da tifoso. Da padre”.

 

“Marco inizia ad allenarsi a Gallarate, nel campo di via Montello, che oggi porta il suo nome.

Gioca, perde, vince. Per anni. Fino a diventare un professionista. Fino a concretizzare il sogno della serie A”

 

DEBORA BANFI

 

 

Articoli Correlati