Un quid poetico

5 novembre 2018
Un quid poetico

Novembre, con le sue giornate tradizionalmente uggiose, è il mese giusto per sfogliare un libro davanti al caminetto scoppiettante, visitare una mostra di qualità, fermarsi a riflettere. Riscoprendo la poesia anche laddove sembra non essercene affatto… Una sfida che abbiamo voluto cogliere in maniera corale, grattando oltre la superficie delle notizie del territorio

di Chiara L. Milani

Lo so. Non avete tempo. Stretti tra un lavoro che non lascia tempo di fiatare e una famiglia che domanda a ragione attenzione, tra il ponte dei morti e la partenza della corsa ai regali di Natale, tra ciò che dovete e ciò che vorreste. Stavolta, però, fermatevi un secondo. Anzi, qualche minuto. E leggete. Un articolo al giorno, non di più. Quel tanto per riscoprire impegno e bellezza laddove non vi siete mai soffermati a notarli.

Articoli… in rima

Non a caso abbiamo scelto di dedicare la copertina a Guido Oldani, il più importante poeta lombardo vivente. Ma la dimensione lirica di questo numero si declina anche in tanti altri articoli: dalle riflessioni sui sepolcri, a firma di monsignor Claudio Livetti, all’affascinante viaggio tra il Varesotto visto con gli occhi di scrittori e pittori, curato dal nostro opinionista di turismo, Massimiliano Serati. E non è finita qui. Perché c’è una dimensione spirituale persino nel libro Fuori dal gregge, oggetto della nostra rubrica Management & Azienda. Per non parlare del nostro primo piano su una provincia, quella di Varese, che si distingue in Lombardia non soltanto per il lavoro, ma anche per il benessere, che significa qualità della vita e dunque aspetti non soltanto materiali. Tra questi, una Scuola d’eccellenza, da sempre tempio del sapere.

Ode alle donne

Come non ritrovare poi una dimensione poetica nella tematica del volo, a cui da sempre l’uomo aspira e che grazie ai festeggiamenti per il doppio anniversario di Malpensa si tinge di rosa? A proposito di donne, alla prima che ha diretto un museo in Italia – quello di Brera – è dedicato l’approfondimento artistico di questo mese. E siccome a novembre si celebra la Giornata internazionale contro al violenza a danno del genere femminile, non potevamo non dedicare uno spazio ai danni fisici e psicologici di questa piaga.

Versi “naturali”

Poi c’è la poesia della natura, da vivere in questa stagione nei boschi delle Prealpi. E quella del buon cibo, che scalda anche il cuore, come La zuppa della bontà.

Imprese epiche

Infine, ma non ultimo, lo sport, con imprese che ben si prestano a essere raccontate con toni epici, come i nuovi traguardi della Società ciclistica carnaghese o il mezzo secolo di presidenza della Pro Patria Scherma di Cesare Vago. Con uno sguardo al futuro rivolto gli atleti-studenti dell’Università dell’Insubria.

Atmosfere da salotto letterario

Se poi volete rivivere le atmosfere dei salotti letterari dei primi del Novecento, ci vediamo sabato 17 novembre alle Ville Ponti di Varese per il vintage rendez-vous invernale di cui VareseMese ha accettato con piacere di essere media partner. Un’iniziativa per valorizzare lo straordinario patrimonio delle ville d’epoca tra Varese e Milano. La bellezza, del resto, è sempre stata fonte di grande ispirazione, in primis poetica.

Articoli Correlati